Programma Evergreen 2016

In caso di pioggia o condizioni climatiche non idonee, l’escursione potrà essere modificata o sospesa senza preavviso.
Nella bacheca del C.A.I. di Piazza Manzoni sono esposti gli itinerari del mese in corso. Possono partecipare tutti purchè tesserati al C.A.I.

Con la partecipazione alle escursioni i Soci dichiarano di aver preso visione del regolamento del Gruppo e di accettare le norme in esso contenute.
Il regolamento è visibile sul sito internet www.caioggiono.it o presso la Sede della Sezione del Cai di Oggiono

Il ritrovo di partenza è presso i parcheggi ASL in Via Bachelet

Calendario escursioni Evergreen del 2016 in pdf

DATAORALOCALITA' PARTENZAQUOTAMETAQUOTADIFFICOLTA'DISLIVELLOATTREZZATURA
13 gennaio8:00Galbiate360Monte Barro922E562
20 gennaio8:00Vercurago - Somasca291Monte Magnodeno1240E949
27 gennaio8:00Pian del Tivano950Monte San Primo1686EE736Ramponi
03 febbraio8:00Moggio890Piani di Artavaggio1900E1010Ramponi
10 febbraio8:00Sormano820Monti Palanzone e Bollettone1436E616Ramponi
17 febbraio7:00Balisio738Grigna Settentrionale2410EE1672Ramponi
24 febbraio7:30Introbio588Rifugio Grassi1987EE1399Ramponi
02 marzo7:30Forcella di Olino1148Monte Resegone1875EE727Ramponi
09 marzo8:00Lecco257Monte San Martino1046EE789Sentiero dei "Tecett"
16 marzo7:30Premana Loc. Giabbio766Rif. Casera Vecchia di Varrone1675E909Ramponi
23 marzo8:00Valmadrera290Pianezzo rifugio SEV1225E935
30 marzo7:30Cransola780Cimone di Paglio1800E1020
06 aprile8:00Suello275Cornizzolo1240E965Sentiero "val de la porta"
13 aprile7:30Alpe del Vicerè900Monte Boletto - Brunate1236E336
20 aprile7:30Vendrogno723Monte Muggio1799E1076
27 aprile8:00Maggio797MOnte Due Mani1667EE870
04 maggio7:30Prato San Pietro506Rifugio Bogani1822EE1316Valle dei Molini
11 maggio7:30Schignano650Sasso Gordona1410EE760
18 maggio8:00Valbrona480Monte Megna1050E570
25 maggio6:30Verceia - La Motta800Rifugio Primalpia1980E1180
01 giugno7:00Menarola - Voga1057Bivacco all'Alpe Forcola1838E781Rientro dall'Alpe Cima
08 giugno6:30Isola1268Montespluga1908E640Sentiero del Cardinello
15 giugno7:00Laveggiolo1470Cima di Fraina2288E818
22 giugno6:30Premana950Laghi di Deleguaggio - Pizzo Alto2512EE1562
29 giugno6:00Passo della Presolana1297Pizzo della Presolana2521EE1224
06 luglio6:00Plan da Lej (Maloja)1805Piz Grevasalvas2932EE1127
13-14 luglio7:00Passo Paradiso2585Sentiero dei Fiori3166EEA800Set da ferrata - ramponi
20 luglio6:30Pescegallo Val Gerola1454Pizzo dei Tre Signori2553EE1099
27 luglio6:00Bagni di Masino1172Passo del Barbacan2598EE1426Dal Rif. Omio al Gianetti
03 agosto6:00Diavolezza (funivia)2093Piz Languard3262EE1169
10 agosto6:00Campo Moro2000Rifugio Marinelli2813EE813
07 settembre6:00Poira1077Bivacco Bottani Cornaggia2327EE1250
14 settembre6:30Pasturo627Grigna Settentrionale2410EE1783Via del "Cornel Bus"
21 settembre6:30San Giacomo - Dangri659Capanna Como1790E1131
28 settembre7:30Moggio890L'anello dei Campelli2010E1120
05 Ottobre7:00Paglio1358Rifugio Santa Rita1988E630
12 ottobre7:00Pian del Tivano - Veleso870Monte San Primo1686E816
19 ottobre7:30Piani Resinelli1278Grigna Meridionale2184EE906
26 ottobre7:30Versasio602Periplo del Resegone1530E928
02 novembre7:30Parè205MOnte Moregallo 50° OSA1276EE1071
09 novembre7:30Abbadia Lariana280Piani Resinelli1278E998
16 novembre8:00Carenno635Monte Tesoro1432E797
23 novembre8:00Valmadrera320Monte Birone - Monte Rai1259EE939
30 novembre8:00Lecco - Versasio602Monte Magnodeno1240E638
Condividi i nostri articoli
Facebook

Tre Corni di Canzo

DOMENICA 1 MAGGIO 2016 – TRE CORNI DI CANZO RIFUGIO SEV
Il meteo prevede pioggia e i dubbi sono molti: passeggiata sotto l’acqua o poltrire al calduccio?
rifugio-sevOk dai, buttiamoci! In fondo due gocce di pioggia non hanno mai dato fastidio a nessuno.
La gita si preannuncia semplice, un’ora e trenta di cammino su strada asfaltata, poi pranzo al rifugio. Al parcheggio siamo pochini, ma si parte…

Raggiungiamo Valbrona in macchina e, lasciate le auto, ci bardiamo con mantelle, kway e ombrelli e incominciamo la salita.
Tra una battuta e l’altra, una chiacchierata, una risata, passo dopo passo, la meta si fa più vicina. Per di più smette anche di piovere e, piano piano, cominciamo a intravedere le prime schiarite e qualche squarcio di panorama del nostro lago e delle nostre montagne che, nonostante le nuvole, hanno sempre un loro fascino (sarà perché sono i nostri luoghi?!).
Senza nemmeno rendercene conto siamo al rifugio dove un bel piatto caldo, l’immancabile fetta di torta e il calore di una stufa riportano il sorriso sui nostri volti. A tavola ce la prendiamo comoda, tra risate, racconti, progetti ; non manca l’argomento “dove trascorrerai quest’estate le vacanze”? Sembrano ancora così lontane, mah! Sarà come per il rifugio, sembra sempre irraggiungibile e poi è dietro l’angolo.
Arriva il momento di ripartire, è già da un pò che non piove più. La discesa, si sa, è sempre più facile e in brevissimo tempo siamo alle macchine.
Ci diamo appuntamento per domenica prossima, alla fine felici dell’avventura appena trascorsa e di aver vinto la pigrizia iniziale.

Mariella

Condividi i nostri articoli
Facebook

Manutenzione sentieri

SABATO 21 MAGGIO 2016
GIORNATA MANUTENZIONE SENTIERO N° 10 (sopra Ello)
RITROVO

ore 8:00 presso la Sede CAI

Questa uscita la dedichiamo al sentiero sopra indicato, abbiamo intenzione di  preparere un calendario di uscite per ripristinare la segnaletica o compiere piccoli interventi. Tutti i soci CAI di buona volontà sono invitati ad unirsi ai volontari della Commissione Sentieri CAI di Oggiono per partecipare alle uscite, abbiamo veramente bisogno di aiuto per poter mantenere percorribili i sentieri. Non è richiesto nulla di particolare, sono camminate lungo il nostro Monte di Brianza con pennello e vernice per “rinfrescare” la segnaletica, sono adatte a tutti !

“All’escursionista è idealmente affidata la memoria storica di un patrimonio plasmato dalla fatica, dal sacrificio, dalla caparbia determinazione degli uomini della montagna.
All’escursionista, più che ad ogni altro frequentatore della montagna è demandata la conservazione di questo ingente capitale culturale.”

Con queste parole Annibale Salsa (presidente generale del CAI dal 2005 al 2010), dichiarava già nel 1996 l’impegno forte e concreto del CAI per la cura del patrimonio dei sentieri attraverso la partecipazione diretta dei suoi iscritti.
Negli ultimi lustri, alle sezioni che storicamente già svolgevano un’attività sentieristica organizzata, se ne sono aggiunte innumerevoli che, con altrettanta fatica e sacrificio dei contadini/uomini della montagna cui alludeva Salsa, hanno coinvolto centinaia, migliaia di persone. Si tratta di volontari, organizzati in sezioni e sottosezioni, gruppi o commissioni sentieri, che, con entusiasmo e competenza in nome e per conto del CAI, svolgono un’attività sociale di primaria importanza, sulla base degli indirizzi tecnici e con il supporto della Commissione Centrale per l’Escursionismo e del Gruppo Lavoro Sentieri.

 

Condividi i nostri articoli
Facebook

Incontro a San Pietro

DOMENICA 3 APRILE 2016 SAN PIETRO AL MONTE – CIVATE

Se volessimo trovare una parola chiave per la giornata di oggi, sarebbe sicuramente “INCONTRO”.
Diversi infatti sono stati gli incontri nel corso di questa domenica.
Subito scesi dalle proprie auto al mattino, quello con le persone. Amici che frequentiamo da sempre; amici che non vediamo da un po’; bambine, bambini, ragazze, ragazzi, adulti, che lo diventeranno. Insieme iniziamo questa nuova avventura. Quest’anno siamo davvero in tanti!
Il secondo incontro, non meno importante, con i luoghi e la natura.
Salendo da Civate per la Val dell’Oro percorriamo un sentiero incantevole: il bosco, ancora un po’ assopito dall’inverno appena trascorso, si colora di mille fiori, rinasce con il risveglio della natura. L’uomo fa la sua parte: una grande scalinata ci permette di alleviare la fatica per la pendenza a volte ardua, i cartelli informativi ci invitano ad una sosta che ci regala un po’ di riposo e ci fa conoscere il perché, anni addietro, persone come noi hanno deciso di costruire proprio lassù la loro dimora.
sanpietroEd eccoci quasi giunti; passiamo sotto un antico arco in pietra e, finalmente, la basilica: San Pietro al monte trasmette ogni volta un non so che di magico.
Il terzo è l’incontro con l’arte.
L’architettura del complesso ci lascia senza fiato e che dire dell’interessante visita guidata alla basilica? Un tuffo in altri tempi, un riscoprire che, anche senza molti mezzi e tecnologie moderne, l’uomo riesce sempre a manifestare se stesso attraverso il disegno, i simboli, i colori, le sculture.
E poi l’Incontro, con la I maiuscola.
Quello con Gesù nella Messa, che ci ha fatto sentire davvero accolti, attraverso il sacerdote che ci ha trasmesso con il sorriso la sua gioia di essere cristiano. Attraverso la Parola che ci ha ricordato San Tommaso a cui ci sentiamo tutti un po’ vicini.
E’ stato davvero bello! Ormai il ghiaccio è rotto …
Ci rivediamo domenica 17 per un’altra avventura.
Claudia

Condividi i nostri articoli
Facebook

Monte Cabianca

DOMENICA 20 MARZO

Il monte Cabianca può essere raggiunto sia dal comune di Carona che da Valgoglio.

Da Carona si sale verso il rifugio Calvi, situato a quota 1.990 m. s.l.m., si prosegue per ilCima_monte_cabianca sentiero direzionepasso della Portula e, prima della baita Pian dell’Asino, si sale a destra (ovest) in direzione lago dei Curiosi. Presso il lago si prende per il canalone e si sale fino al Naso di Cabianca (2.475 m). Si prosegue lungo la cresta che conduce prima alla Spalla e quindi in vetta.

Da Valgoglio invece si sale fino la località Bortolotti, dalla quale si segue il segnavia del CAI numero 268, che permette poi di raggiungere le case ENEL nei pressi della diga del lago Sucotto. Da qui proseguire verso la capanna Lago Nero, posta nei pressi dell’omonimo lago, per arrivare quindi al lago di Aviasco. Poche decine di metri dopo la diga dello stesso, seguire la traccia che sale a monte e, in circa un’ora, permette di arrivare in vetta.

Un’altra via alternativa si dirama dal passo di Aviasco (a sua volta raggiungibile dal versante della valle Seriana dall’omonimo lago e da quello della valle Brembana mediante la valle dei Frati) e sale al monte dei Frati (2.502  m) e, tramite una facile cresta, tocca la cima del monte Valrossa (2.550  m) da cui in breve si arriva alla cima del monte Cabianca.

Per informazioni, telefonare il venerdì sera al numero: 0341261043

 

Condividi i nostri articoli
Facebook

San Pietro al Monte

DOMENICA 3 APRILE – (Cenno storico) L’abbazia di San Pietro al Monte è un complesso architettonico di stile romanico, situato nella valle dell’Oro nel comune di Civate in provincia di Lecco.

s-pietroIl luogo, che attualmente non è più occupato da religiosi, si compone di tre edifici: la basilica di San Pietro, l’oratorio intitolato a san Benedetto e quello che era il monastero di cui rimangono solo rovine. Le costruzioni facevano parte del complesso dell’abbazia benedettina di Civate comprensiva, nell’abitato, della basilica di San Calocero e delle chiese di San Nazaro e San Vito. Due portali in pietra con sopra inciso il motto Ora et labora ci ricordano la passata presenza qui di frati benedettini.

L’imponente ciclo di affreschi della basilica di San Pietro, che ha come tema l’Apoteosi finale del Cristo e il Trionfo dei Giusti sulla falsariga dell’Apocalisse di san Giovanni, ne fa una tra le più importanti testimonianze romaniche lombarde.

La leggenda di San Pietro al Monte narra che l’ultimo re longobardo Desiderio vi costruisse un cenobio nel 772 per la miracolosa guarigione dell’occhio del figlio Adelchi grazie alle acque di una fonte, che scorre a tutt’oggi vicino alla chiesa.[1] A parziale testimonianza di una presenza tardo antica resti di una torre, cappelle, colonne e murature databili tra il V e VIII secolo.

Il più antico documento, IX secolo, cita la presenza dell’abate Leutgario con trentacinque monaci benedettini legati al monastero di Pfäfers inSvizzera.

Il vescovo di Milano Arnolfo volle essere seppellito a San Pietro 1097 dopo avervi trascorsi gli ultimi anni di vita, probabilmente la sua presenza portò ai lavori di trasformazione dell’XI secolo. L’ampliamento della struttura portò al capovolgimento dell’asse est-ovest della basilica a successivamente alla sua decorazione.

Il monastero fu distrutto per ritorsione dal Libero comune di Milano in seguito allo schierarsi dai monaci con l’imperatore Federico Barbarossa, la comunità benedettina si trasferì a valle lasciando la custodia a pochi monaci votati all’ermitaggio.

Sulla metà del XVI secolo monaci Olivetani tornarono a far vivere l’abbazia, furono scacciati definitivamente nel 1798 durante la Repubblica Cisalpina.

Condividi i nostri articoli
Facebook

Pizzo Arera

DOMENICA 24 GENNAIO – Cenni storici – Il pizzo Arera, alto 2.512 m s.l.m., è una montagna delle Prealpi Bergamasche situata lungo il crinale che separa la val Brembana dalla val Seriana in provincia di Bergamo.

pizzo-areraDi grande interesse il patrimonio sotterraneo dell’Arera, comprendente estesi sistemi di miniere dismesse e i due più profondi abissi naturali di origine carsica della provincia di Bergamo: abisso La Dolce Vita (dislivello 485 metri) e abisso dei due Increduli (dislivello 635 metri). Le esplorazioni speleologiche sono in costante evoluzione e le scoperte si susseguono da anni.

È accessibile sia da nord che da sud, e la via più breve per raggiungerlo parte a sud del monte, dalla località Zambla Alta. La partenza del sentiero si trova alla fine di una lunga strada a fondo chiuso che percorre da Zambla il lato sud dell’Arera. Qui c’è un parcheggio situato nei pressi di un camping dove, alla fine della strada asfaltata, si comincia a salire verso dei vecchi impianti di risalita non funzionanti. Si arriva alla partenza degli impianti seguendo la carrabile, e da qui si prende il sentiero a sinistra (ovest) fino a raggiungere il rifugio Capanna 2000.

Dietro il rifugio il sentiero si dirama. Scendendo si va lungo il sentiero dei Fiori, che prosegue in direzione nord fino alle baite di Mezzeno, in localitàRoncobello, mentre salendo ci si arrampica su per un crinale e una volta in cima si prosegue attraverso degli avvallamenti per sbucare ad un muro attrezzato con una scaletta in ferro e, dopo un’ulteriore salita, si raggiunge la vetta. Il panorama dalla vetta spazia soprattutto in direzione sud e verso la val Brembana.

Condividi i nostri articoli
Facebook

Monte Palanzone e Bollettone

MERCOLEDI’ 10 FEBBRAIO 2016 alle ore 8:00

Una classica escursione sul Triangolo Lariano, partendo da Sormano, Monte Palanzone e il Monte Bolletone.

Vale la pena fare un cenno alla storia del comune Sormano che è molto interessante.

palanzonebollettoneLa prima volta che compare il nome del paese è in un documento del 28-08-1179, tempo di feudalesimo, quel feudalesimo che si era andato consolidando durante il dominio dei Longobardi e successivamente dei Franchi, con i suoi vassalli, valvassori e valvassini. Grande vassallo imperiale di tutta la Vallassina era l’arcivescovo di Milano, già alla metà del IX secolo. Erano quindi alla sua dipendenza i valvassori dei piccoli feudi della valle. Proprio uno di questi, un certo Ottone di Sormano – riporta il documento -, partigiano dell’imperatore Federico Barbarossa contro il comune di Milano durante l’assedio del 1161 era stato dichiarato nemico dal Comune stesso.
Il Comune di Sormano viene poi riunito insieme ad altri comuni in un unico comune poi diviso in quartieri e rimase sotto il controllo degli arcivescovi di Milano fino al 1409 quando, cessato dopo oltre cinque secoli il dominio degli arcivescovi sul territorio della Vallassina, questa valle venne annessa al Ducato di Milano e da Gian Maria Visconti concessa in feudo a Facino Cane.
Dopo quattro secoli, precisamente allo schiudersi della seconda metà del XX secolo, dove sorgeva l’antico castello è stata innalzata una cinta merlata di pietra viva, arricchita di un portale in serizzo e dello stemma gentilizio della famiglia Sormani. A lato del portale è stata posta una lapide la cui iscrizione narra in sintesi la storia del castello. Le più antiche raffigurazioni dello stemma sormanico sono quelle dei celebri stemmari quattrocenteschi dell’epoca sforzesca. Il primo, noto col nome di Codice Trivulziano, è conservato nell’archivio storico civico di Milano in Castello e si ritiene sia stato compilato nel 1456. [……..]
Il 12 febbraio governo fascista, sciolta la vecchia amministrazione, cambiò nome al comune in Santa Valeria insediando in municipio un podestà che agì come autorità unica anche per le vicine Caglio e Rezzago. Al ritornò alla democrazia il 20 agosto 1947 si procedette alle elezioni per ciascuno dei risorti tre comuni.

NOTE TECNICHE
Partenza da: Sormano (820 m)
Meta: Monte Pallanzone e Bollettone
Dislivello: 616 m
Difficoltà: E.E. (se percorso chiacciato)

Condividi i nostri articoli
Facebook